Grotta Azzurra ad Anacapri, storia e leggende

Grotta azzurra

La Grotta azzurra Anacapri o Capri?

Diciamo che è la stessa cosa. Anacapri è una delle frazioni in cui di divide Capri, quindi dire ad Anacapri o Capri non fa differenza

Perchè si chiama Grotta Azzurra?

La grotta presenta un unica apertura parzialmente sommersa dal mare. Da essa filtra la luce esterna che irradia l’interno del cunicolo rimbalzando sull’acqua e creando una tonalità di blu differente quasi azzurro che rende questa grotta diversa dalle altre.

I turisti possono visitare solo l’antro più ampio del sistema di cunicoli della grotta, noto come Duomo Azzurro e affacciarsi nei due più ampi cunicoli, che prendono il nome di “Galleria dei pilastri” e “Sala dei nomi“.

Una volta entrati nella Grotta ci si trova in antro profondo 22 metri e largo 24, considerando altezza fondo soffitto si sfiora i 36 metri.

Nel primo antro un occhio attento può osservare dei piccoli cunicoli che collegano la grotta a quella vicina, “La grotta dei Guarracini”.

La Galleria dei pilastri e la Sala dei nomi

La galleria dei pilastri e la sala dei nomi sono due cunicoli osservabili all’interno della Grotta Azzurra.

La prima chiamata in questa maniera perchè ricorda le colonne antiche romane, la seconda chiamata stanza dei nomi perchè nel 700″ i visitatori della grotta incidevano il proprio nome sulla pietra.

La luce blu della grotta azzurra

Il colore blu della luce all’interno della grotta è dovuta al suo ingresso che fa da filtro. I raggi solari prima di entrare nella grotta rimbalzano sull’acqua che trattiene quelli di colore rosso , facendo penetrare solo quelli di colore blu.

Strano fenomeno che si può osservare nei periodi di calma totale delle acque è la mancanza di illuminazione della grotta. Infatti se l’acqua su cui rimbalza la luce è totalmente calma la grotta non sarà illuminata. Ecco uno dei motivi che fa della grotta sita ad Anacapri un luogo unico.

Lo sfolgorio della roccia

Altro fenomeno osservabile nella Grotta Azzurra è lo sfolgorio delle rocce. Questo avviene perchè su esse sono presenti numerose bolle d’aria che hanno un indice di rifrazione diverso dall’ambiente circostante. Quella che può essere descritta come una grotta magica alla fine ha una risposta scientifica a tutto.

La Leggenda della Grotta Azzurra di Anacapri

Dopo il periodo Romano la grotta fu trascurata, ed iniziarono a nascere le prime leggende sul perchè non fosse più visitata da nessuno.

La grotta come in ogni storia medievale si narrava essere rifugio per diavoli e mostri. Due preti decisi a scacciarli entrarono nella grotta nuotando, dopo qualche minuto passato al suo interno scapparono in preda al panico come se avessero visto la faccia del demonio. Da quel momento i due iniziarono a farneticare.

Ebbero progressivamente comportamenti ambigui, ed infine persero il senno. Molto probabilmente non spiegandosi i fenomeni di luce che apparivano nella grotta e avendo visto qualche ombra o forma strana riflessa sull’acqua si spaventarono tanto da diventare “pazzi”. I due preti iniziarono a raccontare cose inumane che avevano visto nella grotta di Anacapri, definendola la porta per l’inferno.

Ora passiamo ad alcune domande che i turisti fanno spesso.

Come sapere se la grotta azzurra ad Anacapri è aperta?

Questo dipende dal Meteo. Ci sono giorni nei quali le condizioni del tempo non permettono di vistare la Grotta. Bisogna dare un occhio anche alle previsioni.

Quanto dura la visita guidata?

La visita guidata alla Grotta dura 7/8 minuti, vi consigliamo di chiedere al barcaiolo che vi accompagna un bonus, siate gentile con lui.

Si può fare il bagno nella Grotta ?

Assolutamente no, è proibito.

Quali sono gli orari migliori per visitare la Grotta Azzurra di Anacapri?

Gli orari consigliati per la visita alla grotta sono le 11 e le 12 cioè intorno a mezzogiorno, dove c’è la miglior concentrazione di luce riflessa.

Si può raggiungere a piedi l’ingresso della Grotta ?

Si, è possibile raggiungerla a piedi da Anacapri. Seguite Via Pagliaro e poi Via grotta Azzurra, arriverete ad uno spiazzale dove potrete salire su piccole imbarcazioni che vi porteranno alla grotta.

Visitare la grotta azzurra è pericoloso?

Lavori di manutenzione periodici hanno fatto in modo da permettere la visita senza alcuna preoccupazione per i turisti, quindi no, visitare la grotta non è un pericolo.

Quanto costa visitare la Grotta di Anacapri ?

La grotta è visitabile con un biglietto del costo di 14 Euro, 10 per il servizio barca e 4 per l’ingresso alla grotta.

Per il servizio noleggio barche vi consigliamo https://www.capriboattrip.com/

Spero di essere stato chiaro! Se volete più contenuti e vi interessa scoprire qualche altra meta da visitare in vacanza seguite la nostra pagina instagram!

Se siete indecisi e non sapete dove noleggiare una barca per il vostro tour vi lascio questo articolo che vi aiuterà sicuramente.

La grotta azzurra
La grotta azzurra

Io vado al museo, la Grotta Azzurra ad Anacapri è compresa?

Vi voglio segnalare anche l’iniziativa del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo intitolata “io vado al Museo”. Da Domenica 3 aprile ogni prima Domenica del mese i musei sono completamente gratuiti, alcuni solo su prenotazione. Per sapere quali sono i musei aperti al pubblico in modo gratuito basta inserire la regione in questo link.

Aderiscono all’iniziativa quasi tutti i musei nazionali di tutte le regioni. Dal Colosseo alla Napoli borbonica insomma, una delle poche iniziative buone del ministro, interrotta dal covid ora è ripresa. Iniziativa rivolta principalmente ai giovani che non essendo ancora in possesso di uno stipendio mensile avevano qualche difficoltà a visitare alcuni musei o luoghi di interesse pubblico certe volte inaccessibili.

La Reggia di Caserta

Noi vi suggeriamo in Campania di visitare gratuitamente la Reggia di Caserta oi campi flegrei, non tralasciando il parco archeologico di Pompei ed Ercolano e infine il palazzo reale di Napoli.

Notizia importante anche per quanto riguarda l’aspetto sanitario. Finalmente dal 1 aprile per accedere ai parchi nazionali non sarà più necessario il Super Green Pass o il green pass base, resta d’obbligo l’uso della mascherina chirurgica.

La prima domenica del mese questa volta sarà il 1 maggio, la festa dei lavoratori.

Perchè il 1 maggio nasce la festa dei lavoratori?

Alla fine dell’ottocento nel mondo non c’era ancora un regolamento, e soprattutto non c’era ancora un sindacato che gestisse e che proteggesse i diritti dei lavoratori, era tutto in mano ad monarchi Statunitensi. Appena si diffuse la notizia che questi ultimi erano stati uccisi da qualche sicario con mandante sconosciuto, tutti i maggiori paesi Europei e non si ribellarono, assaltando navi, negozi, granai appartenenti ai ricchi Americani.

[ Continua qui]

/ 5
Grazie per aver votato!

Amante dei viaggi e della Storia.